Sochi (Russia) – L’ennesima strage incivile e vergognosa.

Lega Nazionale per la Difesa del Cane: inutile credere di risolvere il problema del randagismo ricorrendo allo stermino di massa di cani e gatti “E’ vergognoso, incivile ma anche del tutto inutile credere di risolvere il problema del randagismo ricorrendo allo stermino di massa di cani e gatti” – …

via LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE:

Sochi (Russia) – L’ennesima strage incivile e vergognosa.

Lega Nazionale per la Difesa del Cane: inutile credere di risolvere il problema del randagismo ricorrendo allo stermino di massa di cani e gatti

“E’ vergognoso, incivile ma anche del tutto inutile credere di risolvere il problema del randagismo ricorrendo allo stermino di massa di cani e gatti” – dichiara addolorata e al tempo stesso indignata Piera Rosati, presidente della Lega Nazionale per la Difesa del Cane. Nonostante le proteste pervenute da tutto il mondo e anche da numerosissimi connazionali, anche a Sochi, la città russa nella quale tra pochissimi giorni inizieranno le Olimpiadi invernali, è iniziata la mattanza che ha come vittime sacrificali i randagi. Il motivo? Ripulire le strade da quella che la società privata incaricata di compiere il massacro ha chiamato sprezzantemente “spazzatura biologica”.

Fino a poco tempo fa sembrava scongiurato il pericolo che anche a Sochi si ripetesse quanto avvenuto in Ucraina per Euro2012 e in altri Paesi in occasione di eventi di richiamo. Le autorità avevano promesso soluzioni alternative e soprattutto la costruzione di rifugi. Poi hanno fatto marcia indietro. La municipalità si trincera dietro una cortina di silenzio. Ma i circa duemila randagi che si aggirano nelle zone degli eventi sportivi sono tutti già nella lista dei “morituri” e molti sono già spariti, preda dei dog hunter (cacciatori di cani) agli ordini del titolare dell’azienda stermina randagi, Alexei Sorokin, che si vanta di agire in tutta la Russia.

Il raccapriccio che si prova davanti a questa strage non coinvolge soltanto le autorità locali e gli esecutori materiali di questa strage annunciata. Dal Comitato organizzatore internazionale, dagli atleti in gara e da tutto il baraccone mediatico al momento non si è sentita una parola di biasimo. L’unica flebile speranza di salvezza per questi esseri inermi è affidata alla protesta dei cittadini.

Lega Nazionale per la Difesa del Cane chiede al Governo Italiano e al Parlamento Europeo di attivarsi affinché questo sterminio venga immediatamente fermato. Sono ormai troppe le vicende di questo genere che vedono Paesi europei – seppur transcontinentali come la Russia – coinvolti in massacri vergognosi e ingiustificati.

Inoltre la Lega del cane invita chiunque ami e rispetti gli animali a far sentire la propria voce. Per dire no a questa farneticante catena di uccisioni si può manifestare il proprio dissenso sottoscrivendo queste due petizioni internazionali on line:

thepetitionsite.comchange.org

5 febbraio 2014

Per questo articolo si ringrazia:

LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Sochi (Russia) – L’ennesima strage incivile e vergognosa.

Sochi (Russia) – L’ennesima strage incivile e vergognosa.

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Related Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi