Genova

Genova – Lega Nazionale per la Difesa del Cane in prima linea per la diffusione e l’affermazione dei metodi alternativi nella ricerca – Domenica 9 Giugno u.s. a Genova, presso lo Star Hotel President, sotto il patrocinio dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Genova, si è tenuta una conferenza sulle…

via LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE:

Genova

Genova – Lega Nazionale per la Difesa del Cane in prima linea per la diffusione e l’affermazione dei metodi alternativi nella ricerca

Domenica 9 Giugno u.s. a Genova, presso lo Star Hotel President, sotto il patrocinio dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Genova, si è tenuta una conferenza sulle “Terapie rigenerative negli animali”, organizzata dalla Sezione genovese della Lega Nazionale per la Difesa del Cane e diretta dalla Dott.ssa Graziana Moretti, Coordinatore Nazionale delle Guardie Zoofile dell’Associazione.

Finalmente anche gli animali traggono beneficio dalle terapie che si avvalgono delle cellule staminali e con risultati davvero eccellenti.
Introdotto dal Dott. Angelo Ferrari, Direttore dell’Istittuto Zooprofilattico Sperimentale di Genova. il relatore principale è stato il Prof. Maurizio Del Bue, professore ordinario di clinica chirurgica veterinaria dell’Università di Parma, uno dei più qualificati esperiti in questo ambito, che ha illustraro le problematiche che devono essere affrontate quando si decide di applicare queste terapie in un animale, entrando nell’affascinante mondo della biologia cellulare. Di seguito, il Dott. Alberto Franceschi, titolare di un laboratorio di analisi cliniche veterinarie, ha parlato dei controlli ematologici e degli esami complementari necessari a monitorare lo stato di salute dei candidati a queste terapie e delle procedure adottate per la preparazione delle cellule prima dell’utilizzo, con particolare riguardo al controllo di qualità del prodotto.

La giornata, aveva lo scopo di divulgare in campo veterinario le conoscenze su queste terapie innovative che, a fronte di un’efficacia talvolta sorprendente, possono presentare notevoli rischi se non eseguite con rigore metodologico. Un’accurata selezione dei pazienti e una valutazione molto attenta del loro stato di salute generale sono la chiave determinante per aumentare le possibilità di successo terapeutico e per escludere pazienti non idonei a questo tipo di trattamento, ovviamente Il tutto finalizzato alla salvaguardia del benessere degli animali.
La conferenza si rivolgeva in particolare ai Medici Veterinari, ma era aperta a tutti i cittadinii interessati a conoscere le possibilità applicative di queste terapie sugli animali ed è stata voluta dall’Associazione che saluta con gioia questo nuovo panorama euristico non tanto e non solo per le sue importanti implicazioni terapeutiche, di cui peraltro si intuiscono solo le enormi potenzialità, ma soprattutto perché è una ricerca puramente clinica, finalmente non supportata da nessuna sperimentazione animale, in un’ottica eticamente compatibile e vissuta nel rispetto di tutte le specie viventi.

(12 giungo 2013)

Per questo articolo si ringrazia:

LEGA NAZIONALE PER LA DIFESA DEL CANE

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Genova

Genova

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Related Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi