STANDARD AKIKYO (revisionato 1989) – AKITA INU

Revisionato il 1 Giugno 1989 QUALITA’ ESSENZIALI La forza d’animo (goki) con compostezza (chinchaku) e la dignità (igen, hini) sono le caratteristiche originarie (soboku-sa). Un buon temperamento (Ryosei) con sensi acuti (kankaku wa eibin) li rende in grado di distinguere chiaramente tra il padrone e quelli che non sono familiari. …

via akitainprogress:

STANDARD AKIKYO (revisionato 1989) – AKITA INU

Revisionato il 1 Giugno 1989

QUALITA’ ESSENZIALI
La forza d’animo (goki) con compostezza (chinchaku) e la dignità (igen, hini) sono le caratteristiche originarie (soboku-sa). Un buon temperamento (Ryosei) con sensi acuti (kankaku wa eibin) li rende in grado di distinguere chiaramente tra il padrone e quelli che non sono familiari.
Obbediente, fedele (Chujun), ma con dominanza (iatsu-kan).
Maschio e femmina sono chiaramente distinguibili. Struttura ben equilibrata con ampio volume osseo, che mostra le caratteristiche distintive della razza.
La struttura è ben sviluppata contenuta da una la corretta quantità di volume muscolare, senza pelle lassa. Molto elastica (danryokusei). La struttura è sostenuta (kyoso) con compostezza, dignità, sostanza (Juko) e agilità (binsho, keikai) in modo da essere flessibile (danryokusei).

Le gambe devono essere posizionate correttamente. L’ideale dell’altezza per i maschi è 63,5 centimetri (circa 25 pollici) mentre per le femmine è 57,5 centimetri (circa 22,6 pollici).
Il rapporto di altezza al garrese e lunghezza del corpo nel maschio è 100:110, mentre nella femmina è fino a 100:120.
L’ideale rapporto tra altezza e profondità del torace è di 2:1.

TESTA E GUANCE
Nella regione della testa l’osso è abbondante, proporzionato a quello del corpo, ed è coperto da pelle tesa.
La testa è grande con uno stop appropriato, la fronte è segnata da una leggera piega longitudinale.
Le guance sono moderatamente piene. Il rapporto della distanza tra l’occipite e lo stop e lo stop ed il naso è 6:4.
Le linee immaginarie della fronte e della canna nasale devono essere parallele tra di loro.

ORECCHIE
Viste dalla parte frontale, le orecchie devono essere triangolari. Devono sembrare spesse con le punte leggermente smussate.

La linea dell’orecchio deve essere dritta. Le orecchie sono erette con una leggera inclinazione in avanti. Deve esserci una distanza adeguata tra le orecchie, che sono posizionate nella parte alta della testa.

OCCHI
La distanza tra gli occhi deve essere adeguata. Gli occhi sono piuttosto triangolari, profondamente inseriti nelle orbite oculari. Le palpebre superiori ed inferiori appaiono spesse e quelle inferiori sono dritte. L’angolo esterno degli occhi è leggermente inclinato. L’iride è marrone scuro con una sfumatura nera.

MUSO E NASO
La canna nasale è dritta. Il muso si assottiglia in una punta smussata. Il naso è pieno, nero lucido e umido. La punta del muso deve avere il giusto spessore . Le labbra sono tese.

CAVITA’ ORALE E DENTI
La cavità orale deve essere adeguatamente amplia con un corretto numero di denti ed una corretta chiusura del morso.

COLLO
Il collo deve essere moderatamente spesso, collegato adeguatamente alla struttura scheletrica con forti muscoli. Non deve essere presente pelle flaccida (giogaia). In piedi il collo deve essere solido e robusto. Visto lateralmente l’angolo corretto è tra i 45° e 50° gradi.

SCHIENA E FIANCHI
Il garrese ha una leggera sporgenza. La schiena dritta e potente con il corretto fissaggio delle ossa ai muscoli, tendini e legamenti. L’ano è contratto di forma ovale e la superficie esterna che lo circonda è senza peli.

TORACE ED ADDOME
Il petto è profondo e ben sviluppato. La forma delle costole appare cuneiforme tendente all’ovale. Visto dal lato, la forma della parte inferiore del basso torace fino all’addome è quella di una barca.

ARTI ANTERIORI
I molti muscoli sono resistenti e tenaci. Le scapole e la parte alta delle braccia devono avere una corretta angolazione. I gomiti sono ben attaccati. Lo spessore della parte superiore delle braccia diminuire quando si avvicina ai metacarpi. I metacarpi sono leggermente in avanti rispetto alla linea dell’appiombo. I piedi sono spessi e ben chiusi.

ARTI POSTERIORI
Le ossa sono collegate correttamente alle articolazioni e coperte da forte ed abbondante muscolatura, e sono elastiche. I garretti hanno una diversa angolatura. La parte inferiore del garretto è appiombo rispetto al terreno. La falcata degli arti posteriori è leggermente più ampia di quella degli arti anteriori. I piedi sono spessi e ben chiusi.

CODA
La coda è spessa e fortemente arricciata. La lunghezza della coda non deve superare i garretti. I tipi di ricciolo possono essere verso destra, sinistra o arricciato sul dorso.

PELO
I peli ruvidi ed eretti del pelo esterno (pelo di guardia) si miscelano con quelli morbidi (sottopelo lanoso) in modo che il pelo esterno e rigido si distingua chiaramente tra il sottopelo morbido. Il pelo del collo è leggermente più lungo rispetto a quello sul corpo. Il pelo della coda è un po’ più lungo rispetto a quello del collo, la sua forma disegna un cerchio ed è molto fitto.

COLORI DEL PELO
I colori primari sono cinque: rosso, bianco, nero, Goma (sesamo) e tigrato.
MOVIMENTO
Il movimento corretto ha un passo notevole con un adeguato baricentro e molto stabile con minimi sobbalzi del corpo. Necessita di molta compostezza, dignità, agilità e flessibilità.

DIFETTI MINORI:
Lesioni accidentali, malnutrizione e scarsa cura.
Posteriore debole con anche con convesse e non salde.
Colori non tipici dell’Akita ma simili ad altre razze.
Colore degli occhi chiaro non adatto al colore del corpo. Occhi rotondi.
Chiusura irregolare con prognatismo o enognatismo. Denti mancanti.
Coda allentata. Mancanza di equilibrio tra il la pelliccia della coda e quella del corpo. Coda con più del doppio ricciolo o la mancanza di ricciolo dalla nascita.
Testicolo/i non sviluppati o non discesi.
Carattere frivolo, feroce o timido.

SQUALIFICHE
Mancanza di caratteristiche distintive dell’Akita.
Pronunciato enognatismo o prognatismo, con la mancanza dei denti anteriori inferiori o superiori.
Pelliccia cortissimo fin dalla nascita. Assenza di sottopelo.
Orecchie non tipiche, senza i tratti distintivi delle razze di cane giapponesi.
Pelliccia senza i tratti distintivi delle razze di cane giapponesi. Pelo lungo (moku).
Colori della pelliccia non distintivi delle razze di cane giapponesi.
Colore del naso non armonico con il colore del pelo.
Coda non arricciata dalla nascita.
Testicolo/i non sviluppati o non discesi.

schelet (1)

Preparato dal Akita Inu Kyokai (Akikyo), sotto la supervisione di Hyoemon Kyono

Alla normale postura: a = 110, b = 100,
Profondità del torace è 1/2 dell’altezza.

1. Mandibola.
2. Mascella.
3. Occipite.
4. Vertebre cervicali (7).
5. Vertebre toraciche (13).
6. Vertebre lombari (7).
7. Vertebre Sacrali (4).
8. Vertebre della coda (18-23).
9. Osso Innominato.
10. Ischio.
11. Femore.
12. Articolazione del ginocchio e rotula.
13. Fibula (sul lato esterno), tibia (sul lato interno).
14. Garretto.
15. Metatarsi.
16. Falangi.
17. Metacarpo.
18. Polso.
19. Radio (anteriormente), ulna (posteriormente).
20. Testa del radio
21. Omero.
22. Articolazione della spalla.
23. Scapola.
24. Sterno e costole vere (9).
25. Costole false (4).

Riferimento:
“Revised Akikyo Akita Dog standard”, Koken akitainu (Akikyo Bulletin) No. 78: 67-69, 1990.

Tratto da http://www.northlandakitas.com tradotto da Marisa ed Annachiara

Per questo post si ringrazia:

akitainprogress

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

STANDARD AKIKYO (revisionato 1989) – AKITA INU

STANDARD AKIKYO (revisionato 1989) – AKITA INU

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Related Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi