I COLORI DEGLI AKITA – TIGRATO

Akita e genetica. I colori degli Akita e gli accoppiamenti tra i vari colori. Eccoci finalmente nel secondo articolo dedicato alla genetica, ci occuperemo del tigrato. Sarò di parte in questo articolo perché i tigrati sono la mia passione. Oggi sempre più persone si interessano a questo colore, ricco di …

via akitainprogress:

I COLORI DEGLI AKITA – TIGRATO

Akita e genetica.
I colori degli Akita e gli accoppiamenti tra i vari colori.

Eccoci finalmente nel secondo articolo dedicato alla genetica, ci occuperemo del tigrato. Sarò di parte in questo articolo perché i tigrati sono la mia passione.

Oggi sempre più persone si interessano a questo colore, ricco di sfaccettature, sfumature e sorprese, unico nel suo genere. Lo scorso Maggio, durante l’AKIHO No.128 Honbuten Show (ossia uno delle esposizioni più importanti in Giappone), è stato premiato con il titolo presigiosissimo di Meiyosho anche un tigrato: Daikichi Go Hokuryuusou

Daikichi Go Hokuryuusou

Sempre più persone in Italia si stanno appassionando a questo colore ed in tutta Europa sono sempre di più gli allevatori che seleziona prestigiose cucciolate. D’atra parte il tigrato è uno dei colori più antichi apparsi sui nostri Akita insieme al bianco. Infatti è probabile che i primi Akita derivassero da incroci con un’altra razza nativa del Giappone il Kai Ken:

Kai Ken

Il mantello tigrato è un disegno che crea striature di vario colore, distribuite su tutto il corpo, biologicamente il colore tigrato deriva da una mutazione che sostituisce in alcune zone colorate da eumelanine (pigmento nero) nere e marroni dei peli ricchi di feomelanina (pigmento rosso) disposti a creare una striatura.

Geneticamente tutti gli studiosi concordano che il tigrato è un colore molto complesso che coinvolge alleli particolari di più di un locus. Originariamente era stato attribuito alla serie E, recentemente è stato studiato nuovamente e definitivamente escluso da essa. Quindi si considera facente parte di una serie a se, chiamata BR (dall’inglese Brindle, ossia tigrato), chiamiamo Br il gene dominante, la cui modalità di trasmissione ereditaria è consistente con un modello autosomico dominante, ed invece, br, il gene normale recessivo.
Il fenotipo tigrato può essere modificato dai geni della diluizione, così che le strisce di feomelanina diventino grigie o crema, questo si verifica spesso nella nostra razza. Questo tipo di grigio è causato da geni presenti sul locus D. Capita anche che certe tonalità di striatura siano appena distinguibili come strisce chiare sui cani molto diluiti.

In Giappone le principali varietà di tigrato sono chiamate:

Kurotora
(Tigrato nero)

Otafuku Go Akita Nichihirasou

Otafuku Go Akita Nichihirasou

Shimofuri
(Tigrato marmorizzato)

Unshou Go Takasaki Yamaguchi

Unshou Go Takasaki Yamaguchi

Shiroge
(Tigrato lucente)

Sesshuu Go Kumamoto Kishi

Sesshuu Go Kumamoto Kishi

Akatora
(Tigrato rosso)

Aiko No Tenshi Go

Aiko No Tenshi Go


Il colore tigrato è molto particolare nei soggetti a pelo lungo, dove la visibilità delle striature può variare a seconda del colore e della compattezza del pelo:

Tigrato pelo lungo e Tigrato pelo lungo

Pelo lungo tigrato

I colori del tigrato soddisfano ogni occhio e sono così tanti da lasciarvi solo l’imbarazzo della scelta!

Clicca per vedere la presentazione.

Nel prossimo articolo tratteremo il colore BIANCO.

Crediti:
Elementi di genetica del cane
Leotta, Roberto (2005) Elementi di genetica del cane. Università di Pisa. Dipartimento di Produzione animale, IT.

Per questo articolo si ringrazia:

akitainprogress

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

I COLORI DEGLI AKITA – TIGRATO

I COLORI DEGLI AKITA – TIGRATO

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Related Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi